dettaglio IUC - ::. COMUNE DI MARCALLO CON CASONE - MI .::

Tributi | dettaglio IUC - ::. COMUNE DI MARCALLO CON CASONE - MI .::

IMU (Imposta Municipale Propria)

QUALI SOGGETTI INTERESSA

Proprietari di immobili; titolari di diritti reali di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi e superficie sugli immobili, anche se non residenti nel territorio dello Stato o se non hanno ivi la sede legale o amministrativa o non vi esercitino l’attività. Nel caso di concessione di aree demaniali, soggetto passivo è il concessionario. Per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, soggetto passivo è il locatario a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto.

QUALI IMMOBILI RIGUARDA

Fabbricati, aree fabbricabili e terreni, siti nel territorio dello Stato, a qualsiasi uso destinati, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l’attività dell’impresa. L’IMU non si applica sull’abitazione principale (ad eccezione di quella classificata in categoria catastale A/1, A/8 o A/9) e sulle pertinenza della stessa (se accatastate come C2, C6 e C7).

COME SI DETERMINA IL TRIBUTO BASE IMPONIBILE

Per i fabbricati iscritti in catasto la base imponibile è determinata applicando alle rendite risultanti in catasto, vigenti al 1° gennaio dell’anno di imposizione, rivalutate del 5%, i seguenti moltiplicatori:

  • 160 per i fabbricati del gruppo catastale A (esclusi A/10) e delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7;
  • 140 per i fabbricati del gruppo catastale B e delle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;
  • 80 per i fabbricati delle categorie catastali D/5 e A/10;
  • 65 per i fabbricati del gruppo catastale D (ad eccezione della categoria catastale D/5); 
  • 55 per i fabbricati della categoria catastale C/1.

Per i fabbricati del gruppo catastale D, non iscritti in catasto, posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, la base imponibile è data dai costi di acquisizione per i coefficienti di attualizzazione stabiliti per anno di formazione.

Per i fabbricati d’interesse storico o artistico e per i fabbricati inagibili inabitabili e di fatto non utilizzati, la base imponibile è ridotta del 50%, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette condizioni.

 

Per le aree fabbricabili il valore è costituito da quello venale in comune commercio.

 

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELL’IMPOSTA

L'imposta è dovuta proporzionalmente alla quota ed ai mesi dell'anno nei quali si è protratto il possesso; a tal fine il mese durante il quale il possesso si è protratto per almeno quindici giorni è computato per intero.

ALIQUOTE E DETRAZIONI ANNO 2018

  • Aliquota ridotta per abitazione principale esclusivamente

    per le Cat. A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze, così                                     4 per mille

    come definite dall’art. 13, comma 2 D.L. 201/2011,

    convertito in L. 214/2011

 

  • Aliquota per tutti gli altri fabbricati ed aree edificabili                                   8,6 per mille

     

  • Aliquota per i fabbricati produttivi di Cat. D (di cui 7,6

    quota riservata esclusivamente allo Stato)                                                  8,6 per mille

     

DETRAZIONE: € 200,00 per l'unità immobiliare appartenente esclusivamente alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze, per la quale continua ad applicarsi l’imposta

 

QUANDO E COME SI VERSA

In due rate di pari importo, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre, tenendo presente che resta riservato allo Sato il gettito dell’IMU derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, per la quota dello 0,76 per cento. I versamenti possono essere eseguiti presso tutti gli sportelli bancari e postali, ovvero on-line sul sito internet all’indirizzo: www.agenziaentrate.gov.it, utilizzando il modello F24 disponibile presso le banche, Poste Italiane Spa e agenti della riscossione. Il Comune di Marcallo con Casone ha messo a disposizione sul proprio sito un software per effettuare il calcolo e stampare il modello F24 già compilato.

I versamenti dell'acconto sono effettuati sulla base delle aliquote dell'anno precedente se il Comune non ha ancora approvato le aliquote per l'anno di competenza. 

 

TASI (Tributo sui Servizi Indivisibili)

QUALI SOGGETTI INTERESSA E QUALI IMMOBILI RIGUARDA

Il presupposto impositivo della TASI è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di fabbricati e di aree edificabili, ad eccezione, in ogni caso, dei terreni agricoli.

Sono soggetti al pagamento della TASI: coloro che possiedono immobili come proprietari oppure come titolari dei diritti reali di usufrutto, uso, abitazione o superficie; i locatari in caso di locazione finanziaria, a decorrere dalla data della stipulazione e per tutta la durata del contratto; non deve invece essere versata la TASI sull'abitazione principale, e sulle relative pertinenze; sulle fattispecie assimilate ai fini IMU all'abitazione principale, e relative pertinenze, e sugli altri immobili che rimangono soggetti alla disciplina dell'IMU (ad esempio: fabbricati locati, ceduti in comodato o tenuti a disposizione).

COME SI DETERMINA IL TRIBUTO

La base imponibile è quella prevista per l’applicazione dell’IMU. Con regolamento approvato in Consiglio Comunale il 18/03/2014 vengono disciplinate riduzioni ed esenzioni.

ALIQUOTE E DETRAZIONI ANNO 2018

  • Tasi - Abitazione principale e relative pertinenze                    2 per mille

    (solo per categ. A/1 - A/8 - A/9)

  • Tasi - Fabbricati rurali                                                                      1 per mille
  • Tasi - Aree edificabili                                                                       1 per mille
  • Tasi - Altri fabbricati                                                                         1 per mille
  • DETRAZIONE PER ABITAZIONE PRINCIPALE E

    PERTINENZE DELLA STESSA                                                          € 40,00

  • DETRAZIONE PER ABITAZIONE PRINCIPALE E

    PERTINENZE DELLA STESSA PER LE

    ABITAZIONE CON UNICO OCCUPANTE                                         € 50,00

    (solo per categ. A/1 - A/8 - A/9)

 

QUANDO E COME SI VERSA

In due rate di pari importo, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre. I versamenti possono essere eseguiti presso tutti gli sportelli bancari e postali, ovvero on-line sul sito internet all’indirizzo: www.agenziaentrate.gov.it, utilizzando il modello F24 disponibile presso le banche, Poste Italiane Spa e agenti della riscossione. Il Comune di Marcallo con Casone ha messo a disposizione sul proprio sito un software per effettuare il calcolo e stampare il modello F24 già compilato.

I versamenti dell'acconto sono effettuati sulla base delle aliquote dell'anno precedente se il Comune non ha ancora approvato le aliquote per l'anno di competenza.

 

TARI (Tributo diretto alla copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti)

QUALI SOGGETTI INTERESSA E QUALI IMMOBILI RIGUARDA

Chiunque possegga o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani, con esclusione delle aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative, e delle aree comuni condominiali di cui all’art, 1117 c.c. che non siano detenute o occupate in va esclusiva.

COME SI DETERMINA IL TRIBUTO

Annualmente il Comune approva il Piano Finanziario e le tariffe per l’anno, garantendo la copertura di tutti i costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti.

QUANDO E COME SI VERSA

Il Comune, nel regolamento, ha stabilito il versamento in n. 2 rate con scadenze maggio e novembre. Il Comune riscuote il tributo TARI dovuto in base alle dichiarazioni inviando ai contribuenti inviti di pagamento che specificano per ogni utenza le somme dovute per tributo comunale e tributo provinciale.

ALTRE DISPOSIZIONI

E’ fatta salva l’applicazione del tributo provinciale per l’ambiente di cui all’art. 19 del D Lgs. n. 504/92. Il tributo provinciale commisurato alla superficie dei locali ed aree assoggettabili a imposizione, è applicato nella misura percentuale deliberata dalla Città Metropolitana sull’importo della TARI. 

Pubblicato il 
Aggiornato il